Project Description

TAVOLO   –   a’I-là

(traduzione dal dialetto bergamasco : eccolo là)

International Design competition, organizzato da Porada®, realizzato in collaborazione con Francesco Crotti Architetto

La forma prescelta per lo sviluppo del tavolo è un arco ed è scaturito dall’osservazione di un doppio arcobaleno dopo un temporale. L’arco è in geometria una curva continua definita sull’intervallo unitario: si definisce arco la parte di una curva regolare compresa fra due suoi punti, detti estremi dell’arco. Il tavolo rappresenta il “ desco” luogo deputato al cibo ed al lavoro, perciò luogo “conviviale” di incontro tra persone che condividono “azioni” che si inter-relazionano tra loro. Il tavolo allora è un luogo deputato alla comunicazione ed all’interscambio, luogo per eccellenza in cui le persone si “scambiano” contenuti, input, sinergie e condividono il cibo, con un approccio il più possibile distensivo. La forma scelta per l’elaborazione della base del tavolo è un incrocio di archi che si intersecano in forma obliqua, creando una crociera che sorregge un piano trasparente di appoggio.

Il punto focale “centrale” del tavolo è una sfera, personalizzabile con diversi materiali a scelta del committente (marmo, vetro, ceramica, metallo). Il tavolo realizzato in trave massello pre-calibrata di teak o in zebrano, sezionato in parti e piegato a vapore, per evidenziare le venature naturali del legno in tutto lo sviluppo dell’arco. Le varie parti ad arco che compongono la base, dotate di appositi incastri che permettono una congiunzione funzionale tra gli elementi con forature passanti, saranno tra di loro fissate attraverso viti a cannocchiale in ottone lucido. La congiunzione degli archi superiori ed inferiori, nel punto di incastro sarà dotata di una piastra in ottone( che si porta in evidenzia nel profilo dell’arco) con saldate i terminali delle viti a cannocchiale in modo da permettere una solidità strutturale all’intera base, nonché da fornire un ancoraggio di fermo alla sfera centrale, in modo da suddividere e ripartire il carico ( piano di cristallo superiore, oggetti d’uso appoggiati al piano e spinte di appoggio da parte dei commensali). A terra, inseriti nella parte in legno della struttura e come appoggio al piano di cristallo, verranno previsti elementi in ottone su supporto filettato, atti alla regolazione e messa in bolla planare dell’intera struttura e dotati superficialmente di dischetto di gomma siliconica, atta ad attutire l’impatto del piano di cristallo e dello sfregamento a terra.

International Design Competition - PORADA 2013